Alessandro Canestrari


Le testimonianze
contengono filmati in Real
Player, per visualizzarli
scaricalo gratuitamente
cliccando sull'icona


Algeri Giuseppe
Ansaldi Mattia Alberto
Arnaldi Antonio
Banterla Arturo
Baroncini Nella
Benassi Roberto
Bigo Pio
Bocchetta Vittore
Bressan Milovan
Canestrari Alessandro
Cantoni Rosa
Capuozzo Raffaele
Castellani Roberto
Cherchi Anna
Dalmasso Don Angelo
De Walderstein Nerina
Desandrè Ida
Emer Luigi
Fiorentino Leone
Fumolo Dario
Gianardi Mario
Goruppi Riccardo
Isola Luigi
Limentani Mario
Maris Gianfranco
Marostica Aldo
Martini Marcello
Miola Elidio
Nulli Rosetta
Paganini Bianca
Pavarotti Romolo
Pedrotti Don Guido
Pierini Pietro
Ricci Raimondo
Rigouard Adriano
Rossetti Sergio
Rupel Savina
Salmoni Gilberto
Scala Remo
Stanzione Mirella
Tardivo Mario
Tedeschi Natalia
Todros Carlo
Varini Franco
Visintin Antonio
Vitiello Salvatore
Zaccherini Vittoriano
Zappa Ugo
Alessandro Canestrari
nato a Udine nel 1915, residente a Verona


Arresto
effettuato dalle Brigate Nere, il 20 dicembre 1944 a Tregnago (VR), per attività partigiana

Carcerazione
- a Verona, nel Carcere fascista allestito nelle Scuole Sanmicheli

Deportazione
Nei Lager d'Italia: a Bolzano, matricola n.9.586.

Liberazione
avvenuta il 1 maggio 1945 a Bolzano, in seguito all'abbandono del campo da parte dei nazisti

Ritorno a casa
non specificato
  Scarica la versione integrale della testimonianza

  Scarica i dati del testimone

La testimonianza

Mi chiamo Alessandro Canestrari, nacqui a Marano Lagunare in provincia di Udine il 10 agosto del 1915. Mio padre era un ufficiale di Posta, mia madre fu l'unica ferita dal bombardamento aereo nei primi anni del 1900 subito dopo la dichiarazione di guerra.

 Mi hanno arrestato il 20 dicembre del 1944, perché ero il comandante del battaglione Trainago che fondai; inoltre avevano il sospetto che fossi l'artefice dell'atto di sabotaggio nei confronti del Municipio, in quanto, con un gruppo di altri partigiani lo bruciammo per evitare il bombardamento aereo sullo stabilimento Italcementi. Il motivo di questo atto di sabotaggio, che mi fu richiesto dalla RYE - perché facevo parte anche della RYE - era perché lì, c'era un gruppo di tedeschi di una grossa divisione.

Allora i fascisti - le Brigate Nere, soprattutto l'UPI (Ufficio Politico Investigativo), la cui sede era presso l'ex caserma del Teatro Romano, dove fui prigioniero - ebbero sentore che il comandante dei partigiani fossi io. Naturalmente fui avvisato... Approfittai del fatto che avevo un fratello missionario comboniano e finii per due, tre giorni nella casa madre di Verona, nascosto dai padri comboniani. Sennonché, quando vennero a casa le Brigate Nere, non trovandomi, misero in prigione mia sorella Costanza, staffetta partigiana.

Mia sorella aveva una gamba rigida per un'operazione subita a quattro anni. Quando seppi che mia sorella era stata arrestata al mio posto, non vi dico il mio stato d'animo... Avevo rimorso... Mio padre, pur essendo antifascista, mi accusava... Questa faccenda di mia sorella... Quindi vagai un po' a Verona di nascosto; poi, una certa sera, preso dalla nostalgia di mia moglie e del bambino - mia moglie era giovanissima - tornai a casa. La seconda notte, alle due del mattino, buttarono giù la porta e mi arrestarono.

 Mi portarono alle Brigate Nere, nella scuola Sanmicheli di Verona e il giorno dopo mi portarono al Giardino Giusti dove c'era il famoso criminale, il capitano Gradinigo delle Brigate Nere. Era il giorno 23 dicembre del '44... Mi disse Gradinigo "Questo è il più bel regalo di Natale!" e mi diede una dose di bastonate.
  visualizza il filmato

Da lì mi portarono alla sede dell'UPI dove subii un altro interrogatorio. Lì seppi che avevano ucciso il colonnello Giovanni Fincato. Dall'UPI finii al Forte San Leonardo, dove rimasi una settimana, quindici giorni. Dal Forte San Leonardo mi rivollero le SS e finii al palazzo dell'INA. Lì ci fu l'interrogatorio che... L'ho vista brutta... L'interrogatorio durò sette ore. Inavvertitamente, parlando, misi le mani sulla scrivania, il tenente tedesco con la stecca mi diede un colpo e mi disse "Educationen, Educationen!". Morale della favola: mi condannarono a morte.

 Da Verona per raggiungere il campo sono partito con Perotti... Eravamo in un solo camion, stipatissimo... C'era anche il professor Perotti... C'erano tre SS sedute dietro, due sedute avanti col mitra puntato verso di noi.

Siamo arrivati al campo di Bolzano. Ci fecero denudare... Naturalmente eravamo pieni di parassiti... Scherzando, dicevo che c'erano pidocchi di varie qualità: alcuni avevano i baffi bianchi, altri i baffi rossi, altri i baffi neri... Eravamo pieni di parassiti. Ci denudarono, ci portarono via tutti i vestiti e ci diedero la tuta bianca. Non avevamo quella a strisce dei campi di concentramento nazisti ma la tuta bianca col triangolo rosso e il numero di matricola: il mio numero era 9586. Non ti chiamavano più per cognome, ti chiamavano col numero di matricola e quando non rispondevi ti davano un calcio di moschetto nei reni.
  visualizza il filmato

Nel periodo in cui siamo rimasti a Bolzano, nel Lager di Bolzano. C'erano anche dei religiosi deportati, c'era un certo Ghera, il frate di Baranna. Voi dovreste parlarne, perché l'arresto di Padre Corrado, dei frati che erano lì nel convento di via Baranna, è avvenuto perché avevano dato asilo a ebrei, a partigiani e perché assistevano gli antifascisti. Ne deportarono cinque o sei, mica lui solo; adesso ricordo Padre Corrado perché era con me alle carceri di Verona. C'erano anche tantissime donne, ce ne erano di bellissime... Io credo che fossero duecento o trecento dentro i fili spinati. Poi c'erano anche degli ebrei... Alcuni ragazzetti ebrei presi a calci dalle SS, gettati a due metri di distanza, li ho visti io con i miei occhi.
  visualizza il filmato

In fondo al campo c'erano le celle della morte, e da lì uscivano le grida dei torturati... Direi che ogni giorno abbiamo sentito grida di dolore e di disperazione.

Durante la Pasqua del '45 venne Monsignor Piola a celebrare la messa, e lì fummo assolti in articolo mortis. Ci chiese "Chi vuol fare la comunione, alzi la mano!", poi lui pronunciò la formula "Avvalendomi della facoltà di Santa Romana Chiesa, ego vos absolvo a peccatis vostris"... Ci diede l'assoluzione e facemmo la comunione.

Monsignor Piola poi è quello che ha intimato la resa ai tedeschi il primo maggio, perché c'era l'ordine di Hitler di uccidere i prigionieri politici, tant'è vero che io, facendo parte del comitato di liberazione, come ex ufficiale dell'esercito, ero incaricato di organizzare una certa difesa qualora avessero proceduto all'ordine di Hitler. Invece venne in tempo Monsignor Piola, almeno ci dissero questo, intimò la resa e volle gli elenchi di tutti i prigionieri.

 Noi partimmo in fretta... Talmente in fretta... Eravamo circa quattromila persone, sfondammo la sbarra di legno del campo... Tutti fuori... Eravamo liberi.



[Home]   [I testimoni]   [Il programma TV]   [Glossario]   [Mappe]   [Approfondimenti]   [Mappa del sito]   [Credits]